Mapapay Dhow Safari

Chi siamo

Mapapay Dhow Safari è una delle prime organizzazioni di gite in barca dell’Arcipelago.

Quando nel 1993, poco tempo dopo la guerra civile, i primi turisti arrivarono a Vilanculos, la famiglia Mapapay era impegnata con l’acquisto e la vendita nelle grandi citta’ del pesce che ogni giorno pescava nel bel mare dell’arcipelago.

E’ in questo momento che i primi turisti esprimono il desiderio di visitare le meravigliose circostanti isole di Bazaruto, Benguerra e Magaruque e Joao (John) con la sua barca da pesca inizia a dare passaggi per mostrare le meraviglie naturali di queste isole.

Da allora Mapapay diventa un nome rispettato e conosciuto in tutta la regione. Con il figlio Helder, che diventa a poco a poco il motore dell’impresa, Joao inizia una vera e propria attivita’ di trasporto turisti, crociere alle isole, fishing games e nel 2002 il dhow (tipica imbarcazione di questa zona) non e’ più sufficiente a soddisfare la richiesta da parte del turismo.

Oggi la famiglia possiede quattro barche e la professionalità, la serietà e la puntualità con cui ha sempre dimostrato di lavorare ben presto le permette di essere una delle migliori organizzazioni di Vilanculos che organizza escursioni alle isole. Joao ed Helder sono supportati da Osvaldo, autista, amico, persona di estrema fiducia che va a prelevare e riportare alla fine della giornata i turisti con il minivan dell’impresa direttamente in hotel.

A gennaio 2012 Marina, italiana che da oltre vent’anni lavora nel settore del turismo, arriva a Vilanculos e trova nella famiglia Mapapay un ottimo partner per realizzare il suo sogno : aprire un’agenzia incoming che offra servizi nell’arcipelago con persone locali affidabili e serie.

La lunga esperienza con un turismo europeo esigente, la professionalita’ « occidentale » e il suo occhio esperto e attento uniti all’esperienza dei partners africani creano un connubio esplosivo che offre servizi di alto livello, senza che manchi una sana allegria, e spensieratezza che in questo paradiso naturale sono innate.

La nostra nuova barca: “La Dolce Vita”